Dona ora

con Paypal o
Carta di credito

Sostienici

Puoi contribuire alla nostra missione contro la povertà in vari modi, scopri come donare.

Al fianco dei poveri

Con il tuo sostegno all'Associazione Madre Teresa di Calcutta Onlus doni un futuro ai bambini malnutriti del Congo. E in Italia aiuti chi non riesce ad affrontare le spese quotidiane.

Il ricavato delle donazioni ci permette di finanziare gli interventi di sostegno economico rivolti a persone e famiglie che affrontano l’emergenza fame o situazioni di fragilità economica. Dal 2006 con il programma Sostegno Nuove Povertà abbiamo aiutato tra le Marche e l’Abruzzo molti disoccupati, precari e inabili al lavoro di tutte le etò a ritrovare l’indipendenza economica. E dai primi mesi del 2022 siamo impegnati anche in Africa con il progetto St. Bernadette per realizzare una mensa e un centro accoglienza per i bambini poveri di Lemba, nella Repubblica Democratica del Congo.

Bambina piccola africana in piedi sulla bilancia della mensa

Come puoi donare

Paypal,
Carta di credito

clicca sul pulsante "Donazione"

Bonifico bancario

IBAN:
IT69U0200824404000401125984

Intestato a: Associazione Madre Teresa di Calcutta – Onlus

Bollettino postale

C/C postale n°: 77362606

Intestato a: Associazione Madre Teresa di Calcutta – Onlus

5x1000

Non ti costa nulla ma la tua firma può fare la differenza

Lasciti testamentari

Un segno di solidarietà che vivrà per sempre

Adozione a distanza

Sostieni la formazione scolastica di un bambino povero

Regali solidali

Per le occasioni importanti, festeggia i tuoi cari in modo speciale

Raccolte fondi Facebook

Condividi con gli amici il tuo impegno contro la povertà

Unicredit Banca

Progetto "Il Mio Dono"

Benefici fiscali per i donatori

L’Associazione Madre Teresa di Calcutta è una Onlus (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ai sensi del D.Lgs.460/97). Le aziende e i privati che effettuano una erogazione liberale possono beneficiare delle agevolazioni fiscali.

Le agevolazioni fiscali per le donazioni delle persone fisiche sono di due tipologie. Le persone fisiche possono infatti scegliere se:

  • detrarre l’importo (per un massimo di 30.000 euro di donazione) al 30%, oppure
  • dedurre l’importo donato senza limite assoluto ma entro il 10% del reddito complessivo dichiarato.

Tra tutti gli enti, le Organizzazioni di Volontariato possono inoltre far applicare ai propri donatori una detrazione del 35%, sempre per un massimo di 30.000 euro di donazione.

Tra detrazione e deduzione si può affermare che chi ha un reddito maggiore di 30.000 euro ha maggior convenienza a dedurre. Si consideri il fatto che sarà la persona a scegliere quando compilerà la dichiarazione dei redditi del 2019 se applicare la deduzione o la detrazione: come per le aziende, in caso di applicazione della deduzione sarà possibile per il contribuente portare alle dichiarazioni future la parte di deduzione non goduta.

Le agevolazioni fiscali delle aziende che effettuano una donazione per i poveri possono essere di diverso tipo. Le aziende possono dedurre l’importo donato senza limite assoluto ma entro il 10% del reddito complessivo dichiarato (senza il limite dei 70.000 euro, come precedentemente previsto). Inoltre, sempre nel limite del 10%, nel caso in cui la deduzione superi il valore del reddito complessivo dichiarato al netto di altre deduzioni, la parte di deduzione non goduta può essere riportata nelle dichiarazioni successive, fino al quarto periodo d’imposta successivo (esempio, una donazione effettuata nel 2018 può essere scontata persino fino al 2023).

Grazie al decreto 28 novembre 2019 “Erogazioni liberali in natura a favore degli enti del Terzo Settore”, le agevolazioni fiscali descritte nei precedenti paragrafi si applicano anche alle erogazioni liberali in natura, quindi di beni mobili e immobili. Non sono ammesse al beneficio le donazioni effettuate a favore di Imprese sociali costituite in forma di società.

Il decreto definisce anche le modalità di calcolo del valore dei beni oggetto delle detrazioni o deduzioni:

  • generalmente il valore del bene è calcolato in base al valore normale, quindi ai sensi del TUIR (art. 9), “il prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi”;
  • nel caso di bene strumentale il valore della detrazione o della deduzione è determinato con riferimento al residuo valore fiscale all’atto del trasferimento;
  • nel caso della cessione dei beni e delle prestazioni dei servizi oggetto dell’attività dell’impresa o di materie prime e sussidiarie, di semilavorati e di altri beni mobili, la detrazione o deduzione è calcolata con riferimento al minore tra il valore normale e il valore delle rimanenze finali (art. 92 del TUIR):
  • nel caso in cui il valore del bene non sia oggettivamente determinabile o superi i 30.000 euro è obbligatoria una perizia giurata che attesti il valore.

Per ottenere le detrazioni o deduzioni fiscali la donazione deve essere accompagnata da un atto scritto in cui:

  • il donatore descrive i beni donati, indica i relativi valori e, nel caso, allega la perizia giurata;
  • l’ente beneficiario si impegna ad utilizzare direttamente i beni  ricevuti per le attività statutarie.

Seguici sui social

Iscriviti alla newsletter